The Diamond Jubilee: #Selfridges

The Diamond Jubilee: #Selfridges

279

 

C’è solo una cosa che gli inglesi amano di più del thè con i biscottini delle cinque (rigorosamente con il latte) e dell’abbinamento trench-ombrello e delle avventure di Mister Bean.

 

Lei, la perfetta testimonial di una lacca a lunga tenuta, sperimentatrice di ogni possibile pantone pastello, l’appassionata di cani e corse dei cavalli. Dal 2007 è ufficialmente diventata la più longeva regnante britannica di tutti i tempi, che con i suoi tintinnanti 86 anni compiuti non se la sente proprio di abbandonare il trono.

Ovviamente sto parlando della sempiterna Regina Elisabetta II, che con grande giubilo dei suoi sudditi quest’anno festeggia 60 anni di onorata reggenza con il Diamond Jubilee, che dal 2 al 5 giugno creerà in città, come in tutto il Regno Unito, un bel po’ di movimento. Megaconcerti, mostre, eventi praticamente ovunque: saranno talmente tante le cose da fare e vedere che bisognerà fare un bel planning. Intanto Londra si sta lentamente preparando, trasformandosi, come in un film bicolor, in cui il classico abbinamento bianco/ nero viene spodestato dal blu e rosso dell’amata bandiera.

Negozi, locali,  strade, mezzi pubblici: tutto si diventa un bicromatico richiamo patriottico, condito da un tripudio di Union Jack svolazzanti. E ovviamente i negozi, che modificano letteralmente l’architettura urbana, fanno la loro parte. Tra questi il megagalattico Selfridges, che quest’anno si riconferma il migliore department store del mondo, organizza il The Big British Bang: un modo per unirsi ai festeggiamenti (e ovviamente attrarre clientela) attraverso appuntamenti, mostre, prodotti ad hoc, corner dedicati. Innanzitutto con le sue mitiche (e talvolta mitologiche) vetrine su Oxford Circus, che trasmutano la realtà attraverso ambientazioni e situazioni paradossali, simpatici stereotipi e giochi di dissonanze.

Dal The Big Yellow Shop, mega-corner interamente dedicato all’iconico pantone 109, simbolo della catena inglese, passando per il Big British Shop, che vede protagonisti prodotti creati ad hoc per l’occasione o semplicemente rispolverati, fino ad arrivare al Big Beauty Bang, che mette la bellezza al primo posto.

Tutto festeggia il regno e la sua sovrana.

E moltissimi brand si sono prestati al gioco. Da Alexander McQueen che propone una rivisitazione della sua onnipresente clutch con chiusura a teschio e union jack strassata, alle wedges con paillette di Charlotte Olympia, ai cromatismi di Barbour e ai dettagli di Mulberry, alle bottiglie di Moët et Chandon in edizione limitata, al cuscino di Charlene Mullen, alle eyelashes di Shu Uemura, alle palette e manicure set di Yves Saint Laurent.

E ultima (ma non ultima) l’esposizione Britannica 1951-1953, una retrospettiva curata da Judith Clark sullo stile di Vogue in quegli anni, influenzato dalle scelte vestimentarie della regina. A questo si affiancano le splendide creazioni del modista Stephen Jones, che ha ideato una linea di cappelli ispirati al color champagne, nella palette della stagione dell’incoronazione e nel pieno di quel mood British che la mostra vuole celebrare, riuscendovi al meglio con scenografie ad alto impatto sensoriale.

Scrivi anche tu un affettuoso messaggino alla regina in occasione del Diamond Jubilee, c’è anche una sezione dedicata sul sito ufficiale! http://www.thediamondjubilee.org/send-message-queen

E con un saluto modalità: braccio fermo e leggera rotazione della mano, vi anticipo che i festeggiamenti della nostra amata sovrana continueranno.

E voi ci sarete.

 

 

 

ok jub1

 

ok jub2ok jub3ok jub4