Intervista a Pierluigi Longo

Intervista a Pierluigi Longo

521

Intervista a Pierluigi Longo a cura di Floriana Spanò

Pierluigi Longo nasce a Tripoli, in Libia e risiede a Milano.

Dopo aver frequentato il liceo artistico e l’Istituto europeo di design, a partire dal 1993 inizia a lavorare come illustratore free lance sia in ambito editoriale che pubblicitario.

E’ un momento storico di grande effervescenza dal punto di vista della creatività e dei lavori legati alla pubblicità, alla comunicazione e al packaging.

Longo si rende subito conto che la carriera dell’illustratore, piuttosto che altri lavori legati all’immagine, poteva essere un buon compromesso per non rinunciare alla sua passione legata al disegno ed alla pittura trovando applicazione pratica  e concreta all’industria ed alla produzione .

Il lavoro dell’illustratore, infatti, non è uguale a quello dell’artista che crea e produce all’interno del suo studio liberamente, ma ha dei limiti dettati da un tema, da un formato e da una scadenza ben precisa in cui lettura e visione devono convivere perfettamente.

Dal 2000 riprendendo la tecnica del collage sviluppa un proprio stile grazie anche all’avvento del computer e alla possibilità di trovare facilmente immagini dal web per poi manipolarle.

Le sue opere sembrano vivere in bilico tra passato e presente adattando pose classiche e teatrali dei personaggi a contesti pop dalle tinte forti.

Vanta numerose collaborazioni con riviste internazionali come il “Sole 24 Ore”, il mensile Abitare, D l’inserto di Repubblica, Einaudi, Feltrinelli, la rivista Internazionale ,La Lettura inserto culturale domenicale del  Corriere della Sera, il Wall Street Journal ,The Telegraph , New Scientists e  Courrier International.

Sue le illustrazioni animate dell’ultimo spot televisivo per i Mondadori Store.

Durante tutto il 2015 ha illustrato la rubrica Mondovisioni su La Repubblica a cura del giornalista e scrittore Gabriele Romagnoli.

www.pierluigilongo.com