Interview with Lena Perminova

Interview with Lena Perminova

727

Interview with Lena Perminova    Italiano-Inglese-New11

by Gioia Gange

Discover all the passions and dreams and projects of Lena Perminova through our exclusive interview.

Follow her on Instagram: www.instagram.com/lenaperminova/

Follow her Charity Project: www.instagram.com/sos_by_lenaperminova/

We know you love fashion and you are one of the main influencers in this world.Who’s the designer you admire the most and why?

I do not have one special designer that I love, because I’m about mixing. Many designers have something favorite for me. Such as Chloe’s romance and glamor from the 70s, spontaneity and ethnicity from Isabel Marant, sexuality from Balmain, Giambatissta Valli’s perfect evening dresses and so on. I love clothes that convey your mood now.

Your lifestyle through Instagram has become a “MustSee” for many. From fashion shows, to travel, from your family and your children to the street style; in short, a wonderful digital journey of your life. How did you live this moment and how you intend to proceed in the future your relationship with social media?

I was always excited about how social media is uniting people from all over the world, no matter what’s your nationality or occupation, if you are really enjoying your life within its every minute you have the real chance to wake up really famous one day – if you have something really interesting to share with this world.

To be honest it has never been of great difference for me wether it’s 100 or 1 million followers – I always tried to be honest with everyone and with everything what I’m doing. And it’s a great honor for me if I’m inspiring someone for the good mood or new aim. When Instagram has become for many a point of monetize, I decided to make it also very useful – and created @sos_by_lenaperminova. My aim within the social media – to save one kid every day.

You launched your charity project sos_by_lena perminova. A noble initiative, how it was born and what is its main purpose?

@sos_by_lenaperminova has become my long-awaited 4 th kid to whom I gave a birth in a big rush;) Together with my husband Alexander we have always been taking part in different charity donations. But I was always dreaming about my own project, I was just growing up for it – charity is something you should be very serious about. You can not take and than just quite it. If you start the charity project you are giving a hope, you are responsible for what you are doing.

That’s why I say “long-awaited” project. And when I finally realized I’m ready to take this responsibility, everything has started extremely quickly. There was a boy Egor Emelianov who couldn’t wait longer than 1 months for a really expensive surgery, I met with him and decided to hold the auction as soon as possible , we didn’t have any time for events & PR campaign, I just put several pieces which were of great value for me right on my Instagram page – everyone could buy it just giving the highest bid right in the comments below the post – in Instragram.

I wanted to get more people involved, to be aware of the exact babies who really want and need to live. And all together we saved the boy. Now @sos_by_lenaperminova is almost 1 year old, we’ve managed to help 48 kids in urgent medical need by fundraising more than … Mln $. It’s definetly for the first time in Instagram history. And it’s just the beginning!

Lots of A-list brands and amazing personalities already supported us, I’m so grateful to each of them. And the interest to the project is just growing, it’s so inspiring! As I said the goal is: one kid saved daily and more and more people to be involved.

Will promote your project more and more in other countries?

You know, I’m so excited that already lots of young ladies decided to carry out this kind of charity auctions in Instagram in their native cities – I’m really happy if @sos_by_lenaperminova experience will be useful for them, as at the end – we are doing it for the same aim. We are already developing “SOS-family” – so many great personalities are eager to support us worldwide, that’s why we are always communicating in both: English and Russian languages. Of course proper work is always taking time and it’s so worth doing it: we are focused to be global.

Global communication has allowed us to know so far unknown reality to many and to help people in need. Do you think enough is being done or all could engage more?

There is a good saying: “they say I dream too big, I say they think to small”. We’ve got endless opportunities now, it’s just a point of real desire to do what your are doing good.

Do you have a icon, a muse which inspires you or that you took in the past as a reference point?

Fringed shawls, denim, chiffon, lace and cowboy boots were all hallmarks of Stevie Nicks’ eclectic look. Ali McGraw’s preppy fashion style became iconic in the seventies film Love Story. Think woollen hats, knee socks and chic v-neck jumpers

Among the many shooting of which you were the protagonist, what was the funniest thing that ever happened to you?

Not so long ago I was collaborating with genuius @luigiandiango and @luigimurenu – they have created absolutely different me portrait, I was so impressed… The funniest experience for me was totally blondering my remarkable eyebrows 😉 it was a big victim for the genius art.

Including cinema, fashion and design, in the near future, what would you choose?

It depends for what;)

A woman so refined as you surely will love good food, what is your favorite dish? And your dessert?

My mother’s cake

The last question: ZOE was born in Italy,what do you like best about our country?

Very soon we’ll have Italian week (the lots connected with Italy) on @sos_by_lenaperminova, this country is my passion. And there is some place – Terranova which pampers my heart.


Sappiamo che ami la moda e sei una fra le influencer più conosciute in questo campo, raccontaci quale designer ammiri di più e perchè?

Non ho un designer in particolare che amo, perchè amo mescolare più marchi…e in molti trovo qualcosa che è adatto a me. Ad esempio mi piace Chloe e il suo mix di romanticismo e glamour anni ’70, Isabel Marant per la sua spontaneità e il tocco etno, Balmain per la sua sensualità poi mi piacciono moltissimo gli abiti da sera di Giambattista Valli. Amo i vestiti che riescono a comunicare il mio mood del momento.

Il tuo lifestyle attraverso Instagram è davvero interessante…fra sfilate, viaggi, street style e attimi della tua vita, un vero e proprio viaggio digitale nella tua vita. Come vivi questo momento e come ti muovi e come cambierà (se cambierà) il tuo rapporto con i social media?

Quello che ho sempre apprezzato è la capacità dei social di unire persone in tutte le parti del mondo, indipendentemente dalla tua nazionalità e dal tuo lavoro. Se davvero vivi appieno ogni attimo della tua vita hai, se ti impegni, la capacità di diventare un punto di riferimento da un giorno all’altro, questo però se hai davvero qualcosa di interessante e unico da condividere con gli altri.

Ad essere sincera non vedo una grande differenza da quando avevo 100 o 1 milione di follower, ho sempre cercato di essere onesta con tutti in tutto quello che faccio e mi piace ed è un onore essere di ispirazione per qualcuno o spingerlo a fare qualcosa di buono. Quando Instagram è diventato per molti un mezzo anche per fare business ho deciso di renderlo un mezzo utile e ho creato @sos_by_lenaperminova. Il mio obbiettivo è quello di salvare un bambino ogni giorno.

Parlaci un po’ del tuo progetto di charity @sos_by_lenaperminova, come è nato e qual è il suo scopo?

@sos_by_lenaperminova è diventato il mio tanto atteso “quarto fiflio” che ho dato alla luce molto molto velocemente :-). Insieme a mio marito Alexander abbiamo sempre preso parte a molte iniziative benefiche e di charity, ma avevo sempre un sogno di avere un mio progetto, dovevo solo aspettare il momento giusto per farlo, questo è un campo molto serio…non puoi iniziare qualcosa e poi dopo aver dato speranza a qualcuno interromperlo, sei responsabile di quello che fai.

Ecco perchè dico “tanto atteso” progetto quando ne parlo. Quando ho capito che ero pronta a prendermi questa grande possibilità tutto si è evoluto molto velocemente. C’era questo bambino, Egor Emelianov, che non poteva aspettare più di 1 mese per sottoporsi a un’operazione molto costosa, l’ho incontrato e ho deciso di mettere su un’asta benefica il prima possibile…ma non c’era tempo per organizzare un evento o una campagna di PR e allora ho selezionato dei pezzi dal mio guardaroba che erano di grande valore per me e li ho messi all’asta attraverso il mio Instagram, ognuno poteva fare la sua offerta e chi offriva di più si sarebbe aggiudicato l’articolo.

Volevo coinvolgere più persone possibili e siamo riusciti ad aiutarlo e salvargli la vita.

Ora @sos_by_lenaperminova ha 1 anno e siamo riusciti ad aiutare 48 bambini che avevano bisogno di urgenti cure mediche raccogliendo più di 1 milione di dollari. È la prima volta che succede qualcosa del genere nel mondo di Instagram e siamo solo all’inizio!

Molti brand conosciuti e un sacco di personalità ci hanno aiutato e li ringrazio tutti uno per uno e l’interesse per il progetto continua a crescere, è davvero fonte di ispirazione per me! E lo ripeto il mio scopo è: aiutare un bambino ogni giorno e coinvolgere sempre più persone.

Hai intenzione di sviluppare il tuo progetto anche in altre nazioni?

Sono davvero contenta che molte donne abbiano deciso di organizzare delle aste benefiche su Instagram nelle loro città…e per me è davvero emozionante vedere che il mio progetto li ispiri a darsi da fare e aiutare altre persone! Stiamo sviluppando “SOS-Family”, molte personalità in tutto il mondo non vedono l’ora di aiutarci ed è per questo motivo che facciamo tutte le nostre comunicazioni sia in Russo che in Inglese. Il lavoro da fare è ancora tanto ma ne vale davvero la pena e siamo focused di diventare un progetto globale.

La comunicazione globale ci ha permesso di conoscere situazioni e realtà che hanno bisogno di aiuto. Pensi che si faccia abbastanza o che si possa e si debba fare di più?

C’è un detto che recita: “Dicono che ho sogni troppo grandi…io penso invece che siano troppo piccoli”. Ci sono infinite opportunità in questo momento, bisogna davvero desiderare di continuare a lavorare sempre meglio.

Hai un’icona, una musa che ti ispira nel tuo modo di vestire?

Stevie Nicks e i suoi scialli con le frange, il denim, il pizzo e gli stivali da cowboy. Lo stile preppy di Ali McGraw che la resero un’icona negli anni ’70 col film Love Story…cappelli di lana, calze al ginocchio e maglie chic con lo scollo a V.

Sei stata la protagonista di diversi editoriali di moda, raccontaci qual è stata la cosa più divertente che ti è accaduta.

Non molto tempo fa collaboravo con quei geni di @luigiandiango e @luigimurenu e sono riusciti a creare un’immagine molto diversa da quella che conosco e vedo ogni giorno nello specchio…ero strabiliata. La cosa più divertente è stata decolorarmi le sopracciglia :-)…le vittime per il genio dell’arte.

Fra cinema, moda e design, cosa sceglieresti per il futuro?

Dipende per che cosa ;-).

Una donna così raffinata come te ci scommetto che ami il buon cibo, qual è il tuo piatto preferito…e il tuo dessert?

La torta che fa mia mamma.

L’ultima domanda: Zoe Magazine è nato in Italia, cosa ti piace di più della nostra nazione?

Molto presto avremo la “Italian Week” su @sos_by_lenaperminova, la vostra nazione è la mia passione e c’è un posto in particolare, Terranova che è sempre nel mio cuore.