Rossella Jardini Pre-fall 2016

Rossella Jardini Pre-fall 2016

361

Rossella Jardini Pre-fall 2016

L’estetica forte. Individuale. Classica ma riconoscibile. E soprattutto solo “sua”.

Un linguaggio visivo racchiuso in quel suo elegante senso dell’apparire. Apparire con “garbo”, dove nulla eccede… o è troppo. Ma dove tutto è fortemente decifrabile, comprensibile e riconducibile subito come parte del suo mondo, del suo stile. Quello di Rossella Jardini.

Con questo percorso-concetto si delinea il tratto della sua collezione Pre-fall 2016. Così la logica d’eleganza – tanto amata dalla stilista – mantiene si saldi – anche questa stagione – i canoni che la caratterizzano, ma li sviluppa, li fa evolvere, li declina costantemente

Le ruches, filo conduttore del brand fin dall’inizio, riviste e reinventate, seguono una loro evoluzione e si mischiano – in questa seconda collezione – con le plissettature: per abiti e camicie.

E ancora le plissettature come elemento che “smorza” – ad effetto – il tessuto crêpe, un classico del brand, in una “manipolazione” perfetta, mirata e contemporanea.

Protagonismo scozzese. Ecco allora il tema tartan – per cappotti, gonne, e camicie – dalle rifiniture-bordi di velluto con impunture che disegnano dei pattern geometrici in chiara ispirazione 70.

Il colore: il focus è sempre sui toni saldi, decisi, mirati ovvero senza quei “tentennamenti” o mezze misure poco amate dalla stilista.

Ecco allora la fermezza del rosso, del giallo, verde, viola, blu, e il gioco del nero e bianco – quest’ultimo molto amato da Rossella Jardini soprattutto d’inverno – il cosiddetto il bianco d’inverno per camicie, raffinate tute “da lavoro” e tuxedo …… in accostamenti sempre in black and white.