Interview with Lee Ann Curren

Interview with Lee Ann Curren

500

Di Alberto Gange

Interview with Lee Ann Curren    Italiano-Inglese-New11

Picture credits: 1,2 by Ryan Heywood. 3,4,5 by Claudia Lederer.

Cosa ti piace di più del surf rispetto ad altri sport?

I like the creativity it gives you, waves are always different and you have to adapt to them every time, being able to adapt is something important in life and I think surfing develops that.

Quando e come hai iniziato a surfare?

Ho iniziato circa a 5 anni perchè venendo da Biarritz (la città del surf francese) e avendo un padre che era un surfer professionista e mia madre…anche lei surfava…così crescendo e guardandoli ogni giorno mi è nata la voglia di imparare a cavalcare le onde.

Che rapporto hai con la natura? Cosa ne pensi dello stato dell’ambiente oggi? 

Con lo sport che faccio sono in costante contatto con la natura, così noto tutte le cose che accadono come ad esempio il livello del mare che continua a crescere…se l’acqua è inquinata. Penso che abbiamo fatto un gran casino con l’ambiente ma al contempo è difficile fare dei reali cambiamenti con le nostre abitudini…ad esempio è difficile vivere e lavorare senza usare la macchina o non usando plastica e non producendo così scarti etc. etc. Ci vorrà molto tempo per cambiare radicalmente il modo in cui viviamo.

Qual è il tuo spot ideal per surfare e perchè è così importante?

Mi piace surfare vicino casa, fra Biarritz e Hossegor, lì le onde sono potenti e ti danno molta velocità, sono velocissime e un po’ imprevedibili.

Se dovessi convincere qualcuno a surfare, cosa gli diresti?

Non farlo.

Che rapporto hai con la moda? Hai il tuo stile, ti piace giocare con i vestiti e i colori?

Crescendo non sono mai stata particolarmente appassionata di moda perchè ero troppo impegnata col surf, suonando etc. E non ci ho mai fatto particolarmente attenzione, col tempo ho capito che anche il mio outfit in qualche modo influenza come mi sento, la mia sicurezza, i miei pensieri…è come se le cose che metti nella tua casa ti facciano stare bene o male in qualche modo. Cerco sempre di indossare quello che mi fa sentire me stessa. Indosso per lo più Roxy, sono il mio sponsor, ma altre volte do una sbirciata anche a Quicksilver e ho un paio di Vans per ogni occasione, sono davvero felice che i miei sponsor facciano vestiti che mi piacciono.

Che ne pensi dei social? Non ne puoi fare a meno o a volte preferiresti restare off-line?

Il mio approccio è un misto fra restare in contatto con gli amici e usarli come strumento di lavoro. Come surfer professionista, i miei sponsor fanno molta attenzione a quello che posto e quindi cerco sempre di trovare qualcosa di cool da postare per farli felici.

Possono essere anche qualcosa perfetto per esprimerti se ti ci diverti, ma a dire il vero non mi va di stare a guardare il telefono tutto il tempo così cerco sempre di non esagerare.

Se dovessi regalare la tua tavola preferita a chi la doneresti?

Probabilmente a qualcuno che sta sul surf tutto il tempo…uno di quelli che surfano 20 ore al giorno.

L’ultima domanda, Zoe significa vita in greco…quale sarebbe il tuo luogo ideale dove vivere?

Mi piacerebbe avere la mia navicella spaziale che va a energia solare, ci vivrei tutto il tempo viaggiando e andando a visitare i miei amici in tutto il mondo, parcheggiandola di tanto in tanto in giardino…ma se non si può fare allora vivrei per sempre nella regione Basca.


What do you like most about surfing compared to other sports?

I like the creativity it gives you, waves are always different and you have to adapt to them every time, being able to adapt is something important in life and I think surfing develops that.

How, where and why did you start practicing this sport?

I started at about 5 years old because Im from the french surf town of Biarritz but also my dad was a professional surfer and my mum surfed too so growing up and watching them I always wanted to do the same.

How is your connection with nature? What do you think of the state of the environment today?

I’m in direct contact with nature in the sport I practice so I do notice little things like if the water levels rise, if the water is polluted because of the rain or trash, or if the weather has different patterns over the years. I think we’ve made a big mess with the environment but it’s not easy to make real changes with our habits, for example it’s hard to live and work without a car, without using plastic and producing trash, etc etc. It’s going to take a long time to change the way we live!

What is your ideal “spot” for surfing and why its so special?

I like surfing the beach breaks around home (between Biarritz and Hossegor), the waves have some power and give you a lot of speed, they are fast and always a bit unpredictable.

If you had to persuade someone with three words to surf, what would you say?

Don’t do it.

What is your relationship with fashion? You have your own style, you like to play with clothes and fashion?

Growing up I’ve never been really into fashion, I was too busy surfing, playing music etc and I never really paid attention to it. But with the years I’ve realized the outfit Im wearing plays a lot in the way I feel, my confidence, my thoughts etc. It’s almost like the items you put in your home, they make you feel good (or bad) in they’re own way. I try to wear whatever makes me feel like myself. I wear mostly Roxy as they are my sponsor but sometimes I sneak into the Quiksilver section 🙂 and I have different pairs of Vans for every situation. I’m glad my sponsors make clothe I like.

Your relationship with social, photos, instagram ..? You cannot live without it…or sometimes you prefer to be “off line”?

My approach to social media is a bit of a mix between keeping up with my friends and using it as a work tool. As a pro surfer, my sponsors pay a lot of attention to what I post, so I try to put my creativity into creating cool content for them. It can be a great way to express yourself if you have fun with it. But I don’t like being on my phone all the time so I try not to overdo it.
If you had to give away your favorite board, who would you like to donate?

Probably someone who will surf if all the time, like one of those groms who surf 20 hours a day.

The last question, perhaps a little ironic: ZOE means  “life”  in greek… what would it be your ideal place to live?

Having my own spaceship that runs on solar, I’d just sleep in it and go visit my friends all over the world, park in their garden for a few weeks  at a time 🙂 But if thats not doable I like the Basque country :-).