Italian princesses style

Italian princesses style

768

Italian princesses style    Italiano-Inglese-New11

di Gioia Gange

Le loro sono storie avventurose e romantiche, in giorni che ormai sembrano lontani in cui l’Italia rappresentava eleganza e classe unica. Afdera Franchetti discendente dal sangue blu dei Rothschild e figlia dell’esploratore Barone Raimondo che scopri la Dancalia. Tra le sue frequentazioni Hemingway amico del fratello, l’uomo della sua vita Henry Fonda. Maria Gabriella di Savoia, bellissima, ammirata e corteggiata dal fascinoso Juan Carlos durante l’esilio romano. La pronipote di Luisa D’Orleans dall’animo libero e anticonvenzionale non sposò mai una testa coronata. Paola Ruffo di Calabria, la principessa che rubò il cuore ai belgi. Algida, romantica, icona incontrastata di stile come già appena diplomata aveva sognato lavorando nel suo atelier di moda a Piazza Di Spagna a Roma. Marella Caracciolo, la dama Agnelli,  cigno dell’antica aristocrazia napoletana. Fotografa nella New York della fine sessanta con Erwin Blumenfeld e cultrice di giardini come dimostra il fiorir di rose di villa Perosa. E a loro che si dovrebbe ispirare un individualismo estetico che non miri alla disgregazione ma alla creazione di icone  capaci di essere “riferimento” oltre il soffio di una nuova collezione.


Their stories are adventurous and romantic, in the old days in which Italy represented elegance and unique class. Afdera Franchetti descending from the Rothschilds and the daughter of the explorer Baron Raimondo who discovered the  Danakil. Among his acquaintances Hemingway was friend of his brother, the man of his life was Henry Fonda. Maria Gabriella di Savoia, beautiful, admired and courted by the charming Juan Carlos during the Roman exile. The great-grandson of Luisa D’Orleans who was a free soul free and was a bit unconventional, she never married a crowned head. Paola Ruffo di Calabria, the princess who stole the hearts of the Belgians. Icy, romantic, undisputed icon of style as soon as she graduated she started had started dreaming and working in her fashion studio  in Piazza Di Spagna in Rome. Marella Caracciolo Agnelli, a beautiful and graceful swan of the ancient Neapolitan aristocracy. She was a photographer in New York in the late sixties with Erwin Blumenfeld and gardens’ expert  as evidenced by the beautiful roses of Villa Perosa. It’s them that should inspire an aesthetic individualism that does not seek the disintegration but the creation of icons that can become “reference” beyond the breath of a new collection.

afdera

Afdera Franchetti

gabriella di savoia

Maria Gabriella di Savoia

paola del belgio

Paola Ruffo di Calabria

marella caracciolo

Marella Caracciolo