Prada Pre-Fall 2015 Campaign

Prada Pre-Fall 2015 Campaign

343

Prada Pre-Fall 2015 Campaign

Gli intensi ritratti realizzati da Steven Meisel per la campagna Pre-Fall 2015 di Prada giocano su asimmetrie e ambiguità tra uomini e donne.

Le fotografie scattate nello studio newyorkese di Meisel ritraggono coppie, ora distaccate e distanti tra loro, ora intimamente abbracciate. Lo sfondo grigio neutro attira i nostri occhi verso i loro in un insieme di eleganza, compostezza e sfida.

Le pose lasciano spazio a un’infinita libertà di interpretazione dei rapporti tra i personaggi e nei confronti di noi spettatori.

Le complessità e le contraddizioni legate al genere sono sempre stati per Prada un tema centrale, in continua evoluzione. Cosa prendono gli uomini dalle donne? Cosa tengono le donne per sé? Spesso le forme più profonde di influenza reciproca sono le meno evidenti, le meno visibili. Eppure questi scambi continuano ad alimentare la sfera culturale.

Come nella sala sfilata Prada Uomo AI15, i blu e i neri pervadono le collezioni, caratterizzate dalla forte presenza del nylon nero, utilizzato anche per i capi da sera. Il nylon è uno dei materiali iconici di Prada, spesso scelto per citare il tema dell’uniforme, un altro elemento centrale del DNA Prada. La monocromia viene interrotta di tanto in tanto da un cappotto in lana cammello o da tessuti a quadri camouflage.

Una silenziosa proliferazione di delicati particolari: un’epaulette su una camicia da uomo diventa un grande fiocco su un vestito da donna e viceversa. La sensualità nasce da questa profonda introspezione.

Fotografo: Steven Meisel

Modelli: Maartje Verhoef, Niels Trispel, Willow Hand, Artur Chruszcz, Aya Jones, Johannes Spaas, Natalie Westling, Finnlay Davis, Julia Nobis, Tim Schuhmacher


Steven Meisel’s intense portraits for the Prada Pre-Fall 2015 campaign play with the asymmetries and ambiguities men and women share with each other.

Captured in Meisel’s New York studios, each photograph features a male/female couple, alternately aloof, or intimately entwined. The neutral gray backdrop focuses our eyes on theirs. The attitudes on display are elegance, poise and dare.

The poses also elicit an infinite freedom to interpret the relationships between the characters and towards each of us looking.

Gender’s complexities and contradictions have always been an essential, evolving question for Prada. What do men take from women? What do women keep for themselves? The most profound influences from one to the other are often the least apparent, the least visible. These exchanges still charge the cultural sphere.

Like the Prada Men’s FW15 show-space, somber blues and blacks pervade the collections, especially a heavy use of black nylon, extending to eveningwear also. Nylon is one of Prada’s iconic fabrics, particularly so when coupled with the allusion to uniforms, another Prada DNA. These hard monochromes are periodically softened by a wool, camel coat or textured, camouflaged checks.

Subtle details of difference proliferate too. An epaulette on a men’s shirt becomes an oversized bow on a woman’s dress  or vice versa. Sensuality has become a product of this intense kind of introversion.