Painted Love per Cartier

Painted Love per Cartier

134

 

“Painted love” è il titolo di questo cortometraggio musicato dagli Air, ed è naturale ripensare al “Tainted love” portato al successo dai Soft Cell negli anni ’80, una lettera, una sola lettera li divide: qui è l’amore “dipinto”, lì l’amore “malato/sbagliato”, ma sempre di amore si tratta. Lo stesso amore, per l’arte in questo caso, che Cartier mette nelle sue creazioni, è l’amore al centro della domanda che (dal 2008) ha posto ad artisti provenienti da ambiti differenti: “fino a che punto ti spingeresti per amore?”, hanno risposto negli anni passati fra gli altri Lou Reed e i Phoenix.
“Painted love” unisce il genio creativo del regista newyorkese Wawerly (che ha diretto video per gli Lcd Soundsystem, i The rapture e i Death Cab for Cutie) e la musica degli Air: il filmato è una riflessione sull’arte e la ricerca dell’ispirazione, di una musa che sembra sempre nascondersi quando pensiamo di averla a portata di mano, quando pensiamo di averla intravista nel fumo di un locale notturno, una musa che ci fa penare, che ci fa maledire la tela con cui cerchiamo di intrappolarla, trattenerla anche solo per un istante. È la tela stessa, che ci chiama, che ci accoglie, in cui sprofondiamo come nelle più dolci sabbie mobili, un quadro che diventa specchio magico, una porta verso un altro mondo, un altrove in cui finalmente il pittore…ho detto fin troppo, adesso guardate il video qui sotto.