Zagliani Pre-Fall 2015

Zagliani Pre-Fall 2015

338

Zagliani Pre-Fall 2015

La collezione Zagliani Pre-Fall 2015 trae ispirazione da Venezia; la decadenza tipica di questa città unita all’eccentricità dei suoi abitanti più illustri, i balli e i banchetti sono il punto di partenza a cui si rifanno le nuove creazioni firmate Zagliani.

Gli interni veneziani, le influenze esotiche di fine secolo e le storiche fabbriche italiane, come la Fortuny, sono il fulcro su cui ruota l’intera collezione Pre-Fall 2015, caratterizzata dall’introduzione di quattro nuovi modelli:

Il bauletto con tracolla Tebako è la sintesi dell’eleganza rilassata e senza tempo di Zagliani; la ricercatezza delle linee e l’allure moderna sono le caratteristiche principali di questo modello, evoluzione naturale della iconica Tomodachi.

La borsa a mano Memphis debutta in versione mini, rimangono però invariati tutti i codici che l’hanno resa una delle borse iconiche Zagliani.

In onore della “Città costruita sull’acqua” nasce Venezianina, una pochette dalla costruzione “ad armonica”, perfetta per la sera, grazie all’incredibile ricercatezza dei materiali e delle lavorazioni utilizzate.

La Vanity clutch si rinnova per la Pre-Fall 2015 diventando Vanity Lock: arricchita di nuove varianti cromatiche e da una chiusura a patta con lucchetto in metallo, mantiene un aspetto raffinato ma con un nuovo twist.

La palette cromatica della collezione Zagliani Pre-Fall 2015 presenta nuove tinte inedite e inaspettate tra cui il Sandix, una particolare sfumatura di arancio ispirata alle creazioni di Venini e l’Arctic Grey, che ricorda i riflessi della laguna durante una giornata invernale. Colori come il burro, l’acciaio, il grigio perla e l’avorio rappresentano la parte più delicata della collezione, in contrapposizione con le tinte del velluto tra cui il viola, lo smeraldo e il mulberry.

I pellami pregiati e le lavorazioni esclusive sono aspetti imprescindibili del DNA del marchio e la Pre-Fall introduce nuove finiture come il perlato (in coccodrillo, pitone e struzzo) e il coccodrillo gel, dalla mano particolarmente morbida e lucida. Nuovo il pitone nabuk accostato alla pelliccia di volpe artica, e il pitone vegetable-dye, che risalta le naturali sfumature del pellame.

Le lavorazioni astratte come il laminato dai riflessi metallici, ad esempio su karung e ayers, sono un altro segno distintivo di questa collezione, reinterpretati e resi unici dal mix inedito di pelli.