Alcantara presenta After Chandigarh

Alcantara presenta After Chandigarh

239

Alcantara presenta After Chandigarh

Biennale di Shanghai, Aurora Museum. Dal 21 novembre al 31 marzo 2015

Innumerevoli linguaggi, infinite applicazioni, incomparabile soft touch, sostenibilità e uno stile tutto italiano: questa è Alcantara. Un materiale che offre una combinazione unica di sensorialità, estetica e funzionalità, scelto da alcuni dei più esclusivi marchi d’alta gamma protagonisti in differenti settori.

Una trasversalità che l’azienda affianca ad una ricerca incessante ed a un dialogo continuo con la creatività, fino a valicare il labile confine tra arte e design.

Con questo spirito, nell’esclusiva cornice della mostra Making of the Museum, evento speciale della 10° edizione della Biennale di Shaghai ospitato dal Museo Aurora, Alcantara presenta AFTER CHANDIGARH, un’inedita opera d’arte firmata dall’artista Taiwanese Michael Lin, realizzata interamente in Alcantara.

L’opera – espressamente concepita per la scenografica Chandelier Hall del Museo Aurora – celebra il modernismo intellettuale e culturale cinese, traendo ispirazione dalla storia e dall’evoluzione dell’India nella seconda metà del XX secolo.

Utilizzando diversi tipi di Alcantara, Michael Lin è arrivato a comporre sul pavimento marmoreo della Chandelier Hall un tappeto gigante che rievoca la tecnica del “floor painting”.

“Grazie alla sua incredibile versatilità” – spiega l’artista – “ho potuto utilizzare Alcantara come fosse pittura e creare una installazione monumentale che riconcettualizza e riconfigura gli spazi, nello stesso modo in cui i tappeti e i complementi d’arredo sono scelti per connotare i grandi ingressi e le aree di attesa degli edifici pubblici”. 

Curata da Davide Quadrio e con il Patrocinio del consolato italiano, l’installazione si ispira nel concept alla progettazione degli edifici della capitale degli stati indiani di Punjab e Haryana, curata negli anni ‘50 da Le Corbusier e Pierre Jeanneret.

Prima città edificata in India dopo aver ottenuto l’indipendenza, Chandigarh è il simbolo della nuova India. Modellando Alcantara in un gigante patchwork di colori e sfumature, Michael Lin ha voluto raccontare il parallelismo culturale e intellettuale tra Chandigarh e la Cina contemporanea.

Non è la prima volta che Alcantara prende parte allo scenario creativo cinese, ma è la prima volta che collabora con un artista asiatico.

“Crediamo fermamente che le avanguardie siano le migliori interpreti dell’unicità e della contemporaneità del nostro materiale, per questo abbiamo sempre lavorato a stretto contatto con il mondo della creatività e del design” spiega Andrea Boragno, Presidente e Amministratore Delegato di Alcantara, presente a Shanghai lo scorso 21 novembre per svelare l’opera. “Dopo numerose collaborazioni internazionali e il recente successo ottenuto con il progetto presentato nell’ambito della Biennale del Design di Shanghai nel 2014, lavorare con un artista locale di fama mondiale ci è sembrato il passo più naturale.”

AFTER CHANDIGARH è aperta al pubblico fino al 31 marzo 2015, in concomitanza con la Biennale di Shanghai e la mostra Making of the Museum.