H&M “The Breakup”, sul progetto di raccolta di abiti usati

H&M “The Breakup”, sul progetto di raccolta di abiti usati

254

Scroll down for english text.

H&M è stato il primo brand di moda a lanciare su scala mondiale un progetto di raccolta di abiti usati, ai quali ridà nuova vita.

L’iniziativa, tutt’ora in corso, prende il nome di Garment Collecting Project e consente ai clienti di portare i loro capi smessi, di qualsiasi marca e in qualsiasi condizione, in tutti i punti vendita H&M, in tutti i 54 Paesi in cui H&M è presente.

I capi vengono poi reindossati, riutilizzati o riciclati a seconda delle loro condizioni.  Dalla primavera del 2013, quando è stata lanciata l’iniziativa, sino ad oggi, H&M ha raccolto circa 5.000 tonnellate di abiti, l’equivalente in fibra tessile di 25 milioni di t-shirt.

Il video “The Breakup” è stato creato da Bela Borsodi, fotografo e artista di origini austriache, trapiantato a New York. Prendendo ispirazione dal Bunraku, il teatro tradizionale giapponese, Borsodi e il suo team hanno ricreato un mondo intero fatto di vestiti; il film girato attraverso questa particolare tecnica, racconta l’intero processo di raccolta e riciclo degli abiti.


English text

H&M has, as the first fashion company, launched a global take-back initiative called Garment Collecting. Customers are encouraged to bring in unwanted garments of any brand and in any condition, to H&M stores in all 53 markets, to be given a new life.
By collecting used garments H&M contributes to reduce textile waste and turning old textile fibers into new yarn. We want to create new clothes out of the collected garments and close the loop on textile fibers.