John Newbery

John Newbery

168

C’è un inizio per ogni cosa. Ed è importante capirlo perché questo segna il passaggio da un tempo ad un altro. Un pomeriggio di primavera (voglio immaginarlo così) del 1744 a Londra, nei pressi della cattedrale di Saint Paul, un signore con la barbetta lunga e curata fermava l’attenzione dei bambini che correndo uscivano festanti dalla messa. Aveva allestito una sorta di scaffalatura esterna alla sua tipografia, dove in bella vista teneva libri dai diversi colori cangianti. Questo signore si chiamava John Newbery, ed era il primo editore di libri per bambini. Il primo a pensare che forse tra di loro si celava un pubblico diverso e nuovo, terreno fertile per moltissimi illustratori (tra i quali il più conosciuto fu Thomas Bewick) e scrittori dotati di una certa sensibilità e dediti ad una scrittura più leggera. Newbery aveva creato una vera e propria biblioteca per l’infanzia che comprendeva libretti dal piccolo prezzo e con le copertine di carta pregiata e illustrata. All’interno c’era un po’ di tutto, filastrocche, indovinelli, piccole storie, molte delle quali improntate ad una scelta sportiva della giovane vita. Insieme ai libretti infatti l’editore dava in omaggio una pallina color rosso, per sottolineare la propensione al libero movimento di cui si fece garante per tutta la sua vita, proprio da dire mens sana in corpore culturalmente sano! Un genio John Newbery, figlio di umili contadini e aiutante in una tipografia fin dall’età di quindici anni, poi salito di grado per esperienza ed intuito fino a prenderne possesso comprandola e facendone a dovere il primo laboratorio editoriale di libri per l’infanzia. A Little Pretty Pocket-Book è il libretto che rappresenta gli inizi di questo industrioso editore, che inventò nel 1751 anche il primo quotidiano per ragazzi The Magazine Lillipuziano. Alla sua morte venne stabilito un filone continuativo che portò poi gli americani attraverso il contributo fondamentale della American Library Association a creare il Primo Premio Letterario di libri per ragazzi, giustamente chiamato “The Newbery Medal” assegnato ogni anno dal 1922 al miglior libro per ragazzi. L’importante delle cose è capirne l’origine…