XI GIORNATA MONDIALE CONTRO IL CANCRO INFANTILE DI CANCRO INFANTILE SI PUO’ GUARIRE: NON PERDIAMO TEMPO

XI GIORNATA MONDIALE CONTRO IL CANCRO INFANTILE DI CANCRO INFANTILE SI PUO’ GUARIRE: NON PERDIAMO TEMPO

166

 

Scuola Nuccio Verga. Bambini. Tanti bambini. Speranze. Tante speranze. Ricerca. Tanta ricerca. Volontari. Tanti Volontari. Donazioni. Fare sempre donazioni. Palloncini bianchi. Tanti palloncini bianchi lanciati in Italia e in tutto il mondo alle ore 11 per l’XI giornata contro il cancro infantile. E alla Scuola Nuccio Verga, l’A.S.L.T.I. Onlus – Associazione Siciliana per la Lotta contro le Leucemie e i Tumori Infantili ha sostenuto l’appello lanciato da FIAGOP Onlus – Federazione Italiana delle Associazioni di Genitori Oncoematologia Pediatrica – DI CANCRO INFANTILE SI PUO’ GUARIRE: NON PERDIAMO TEMPO. Nel piazzale della scuola si respirava tanta emozione e grande entusiasmo: bambini, genitori, maestre, gente comune, volontari in camice arancione ASLTI Liberi di Crescere, parte dello staff dell’ospedale Civico Oncologia Pediatrica diretto dal dott. Paolo D’Angelo, tutti lì per il grande lancio. La giornata mondiale per la lotta al cancro infantile ci riporta ad una realtà dove non bisogna distrarsi dall’importante obiettivo: di cancro si può guarire. La medicina lo porta avanti con tenacia, basti pensare alla nostra Rita Levi di Montalcini che in Italia e nel mondo, è stata ed è l’esempio di dedizione assoluta alla cura del malato e alla ricerca. Compito sempre più arduo per chi sceglie di lavorare in Italia e che affronta il sistema sanitario italiano, una volta “eccellenza mondiale” minato nelle sue radici da una gestione scellerata e travolto da una crisi. “Crisi” che “affonda” una società basata sul “benessere”. Il benessere dei piccoli è fondamentale. Sono il nostro presente, il nostro futuro. Linfa vitale per il mondo che verrà. Al lancio sul piazzale della scuola, Vincenzo Crivello, attore palermitano, invitato al lancio dei palloncini e sensibile, come tanta brava gente, alle cause sociali. Proprio come il suo spettacolo che debutta il 19 marzo al Teatro Biondo: “La Chiamata” di Egle Palazzolo. Vincenzo ha risposto a…questa… chiamata.”Sono qui perché ci credo. Lo ritengo, un obbligo per chiunque faccia un lavoro come il mio e che ama. Oltre al piacere di essere al Verga, avrei preferito che non ci fosse il cancro infantile. Penso che la magia del teatro, al bimbo che affronta una malattia terribile come questa, possa aiutare a dimenticare quello che sta vivendo. Fare teatro con loro come un gioco può essere di grande aiuto per dimenticare le sofferenze.. C’è un testo molto interessante di Karl Valentin. “Il teatro dell’Obbligo” testo meraviglioso…secondo la patologia!”. Sono felice di essere qui per i bimbi e con l’ASLTI Liberi di Crescere“. Un piazzale gremito. Si aspetta il lancio perché di cancro si può guarire. Sostenere le associazioni come l’ASLTI Liberi di Crescere:con la forza dell’amore e con il volontariato concretamente aiuta i piccoli e i genitori con la terapia del sorriso, del sostegno psicologico, con la ludoteca e la scuola in reparto: i camici arancioni ci sono sempre. Tra i progetti, a sostegno dei piccoli ammalati in “stop therapy”, c’è lo sport: sport come terapia di benessere psico fisico per un ritorno ad una vita normale. Questo progetto pilota, voluto fortemente dalla d.ssa Maria Cristina Maggio in collaborazione con la psicologa Paola Guadagna, il Coni, i volontari dell’ASLTI Liberi di Crescere e con l’Associazione Nazionale Medici Pediatri. Già la Scuola, il bene prezioso tra i più bistrattati d’Italia. Tra gli ospiti invitati alla Scuola Nuccio Verga, Barbara Evola, Assessore alla Scuola del Comune di Palermo, per partecipare al lancio dei palloncini come simbolo di speranza e di affrancamento dalla malattia. “Lì ho ritrovato le colleghe con cui ho condiviso la forte esperienza della scuola in ospedale e i volontari dell’Associazione che ogni giorno si spendono per creare un clima di normalità e di serenità intorno ai bambini che affrontano la malattia. Bisogna ancora lavorare molto per istituire una rete di sostegno fuori dagli ospedali che sottragga alla solitudine le famiglie e i bambini malati e regali loro quel senso di normalità che aiuta ad affrontare il decorso della malattia. I sorrisi disarmanti dei bambini e la loro gioia di vivere dovrebbero essere una lezione di vita per tutti noi adulti, soprattutto nei momenti più difficili”.

Tutti pronti per il lancio…ore 11…in tutto il mondo…1…2…3…! Migliaia di palloncini hanno spiccato il volo e si è levata una ola da stadio: erano i bimbi che applaudivano felici. I bambini, tutti hanno diritto alla salute. Doniamo loro una speranza, un sorriso, un contributo concreto alle associazioni di volontariato e alla ricerca. Liberi di crescere.

Andate su questo sito, scrivete Associazione siciliana….nella sezione “trova organizzazione” e donate il vostro click!!!! E’ una campagna promossa da Fiagop, in collaborazione con l’organizzazione mondiale dei genitori per aiutare i piccoli ammalati di cancro…basta un click e 5 associazioni avranno fondi per un progetto: http://www.1clickdonation.com/it/


2013021518febbraio2013societ13943


201302151143018febbraio2013societ