“L’accento dei nostri cognomi: Unisce”

Fashion

“L’accento dei nostri cognomi: Unisce”

320

 

Eccoci al terzo appuntamento dello Specchio in Cucina, oggi incontriamo Francesca del blog la cucina leggera ma non troppo e Rosaria invece del blog SosiDolceSalato, loro si chiamano per cognome come i compagni di scuola, forse non mangerebbero insieme una zuppa di cavolfiore e lenticchie, ma sanno non prendersi mai troppo sul serio.

 

9c95f21ed068edf7ca1f11dba5cf66a1 XL

 

 

Perchè tanti food blogger, che avete di speciale?


Francesca: Perennemente fame !

Rosaria: effettivamente siamo in tanti ! E io non ho niente di speciale, mò lo chiudo!

 

Qual è il cibo che detesti?


Francesca: Il cavolfiore!

Rosaria: lenticchie e merluzzo.

 

Cosa ti piace maggiormente del blog dell’altra?


Francesca: La cura nei particolari, le foto, i suoi racconti.

Rosaria: L’immediatezza

 

Che cos’è il tamarindo?


Francesca: Ahahaha sono andata a guardare su gooooooogle, dicesi tamarindo… scherzo !!! è un legume che viene usato come spezia zac…fregata!

Rosaria: un frutto.

 

Il tuo punto di forza?


Francesca: La schiettezza penso ciò che dico e dico ciò che penso, o forse è il mio punto debole?

Rosaria: sono sincera

 

Il suo punto debole?


Francesca: Credo che non abbia punti deboli se fossi un uomo me ne innamorerei 😉

Rosaria: E’ una casinista, ma mi piace per questo. A volte mi dico avrà bevuto? no ! nemmeno, è così al naturale.

 

Ci dai una ricetta infallibile?


Francesca: Ho messo su un buon matrimonio, la giusta quantità di stima e amore, un pizzico di frivolezza e tanta tanta pazienza, e 3 figli meravigliosi…nella vita.

In cucina I miei Biscotti ripieni di marmellata, un successo a casa mia e tra amici

 

biscottiecannella3

 

Ingredienti per la pasta frolla:

 

300 grammi di farina

150 grammi di zucchero

150 grammi di burro

un uovo intero

un tuorlo

scorza di limone

una presa di sale

marmellata preferita

 

Io semplicemente uso 2 piccole accortezze, il burro a temperatura ambiente e le uova fredde di frigo. Metto a fontana la farina, le uova, il burro, la scorza grattata di mezzo limone e un pizzico di sale e lavoro l’impasto fino ad ottenere un composto omogeneo. Cerco di essere veloce e di lavorare il tutto con la punta delle dita, in quanto è risaputo che far “scaldare” la pasta col calore delle mani non è positivo. Avvolgo il tutto nella pellicola e lascio riposare in frigorifero per 2 ore. Passate le 2 ore ho steso la pasta.A questo punto ho tutti gli ingredienti, mi stendo la pasta, faccio dei quadratini, all’interno metto la marmellata, sovrappongo la pasta ed ottengo il quadratino ripieno. Con la forbice taglio la parte superiore della pasta in modo da fare uscire poco poco di marmellata, metto in forno a 200 gradi per circa 15 minuti..

 

 

Rosaria: volentieri, la Parmigiana di pesce spatola con bufala.

 

061220122-2

 

Per due persone

 

1 pesce spatola piccolo sfilettatto

1 melanzana tonda

1 mozzarella di bufala meglio se del giorno prima

pomodorini maturi

foglie di basilico

sale

olio

aglio

 

Per prima cosa lavare e tagliare a fettine la melanzana. Disponetele sul piatto crisp con un pochino di sale e di olio e farle cuocere nel microonde con modalità crisp per circa 15 minuti, rigirandole dopo circa 6/7 minuti. Potete sempre friggerle, ma io trovo che in questo metodo ottengo lo stesso risultato.

Nel frattempo preparate in una padella il sughetto con i pomodorini tagliati a pezzetti, aglio, olio, sale e basilico. A cottura ultimata mettete le melanzane nel sughetto per circa 15 minuti a fiamma spenta.Questo per farle insaporire un po’. Togliete le melanzane, sempre nella padella con i pomodorini, mettete i filetti di pesce spatola e scottandoli giusto 2 minuti

A questo punto su una placcha rivestita con carta forno sistemate, alternandoli, il pesce spatola, le melanzane e la mozzarella tagliata a fette. Infornato in forno caldo a 180°C per il tempo necessario a far sciogliere la mozzarella.

 

 

Si può vivere di di foodblogging?


Francesca: No si ingrassa.

Rosaria: Per ironia della sorte penso che come foodblogger morirei di fame!ahahhhahaha

 

Un trucco che hai imparato dal bloggare?


Francesca: Non sono furba e si vede

Rosaria: Sto imparando nuove tecniche per cucinare, ma sto imparando anche a fotografare e questo mi piace!

 

Che hai mangiato ieri sera?


Francesca: Panico!!! ah sì milanese e patatine.

Rosaria: Beh vediamo oggi è lunedì, quindi è facile la domenica sera non ceno, mangio troppo a pranzo.

 

Ma dietro le belle foto si nasconde anche il buon cibo?

 

Francesca:Non è detto a volte la foto è bellissima ed il piatto niente per la quale. A volte le foto sono inguardabili ma magari la pietanza era ottima.

Rosaria: ma scherzi??? no! la bella foto aiuta a veicolare, ma sicuramente non è sinonimo di buon cibo.

 

Ma voi due, di cosa parlate insieme?


Francesca: Di tutto e di nulla, anzi spessissimo di nulla nel senso che i nostri discorsi hanno poco senso ahahahaha

Rosaria: con la Calì parliamo di tutto un pò e ci facciamo delle grasse risate! è troppo simpatica!

 

Salutateci e salutatevi a vicenda


Francesca:Fate i bravi, Orrù sei una casinista e mi piaci per questo;)

Rosaria: Ciao Calì e tanti tanti auguri. Ciao ciao belle signore.

 

A cura di www.cucinadibarbara.com

 

 

Comments are off this post!