L’hotel post-industriale

Fashion

L’hotel post-industriale

493

 

C’era una volta il Lingotto, monumento all’operosità torinese.

Migliaia di tute blu per migliaia di cartellini timbrati in quella che per decenni è stata la Fabbrica per antonomasia, dove generazioni di lavoratori hanno forgiato generazioni di automobili Fiat. Dai qui è uscita la storia dell’automobile italiana, dalla Torpedo alla Balilla, dalla Topolino alla 500. Iniziata nel 1916, la costruzione del Lingotto terminò nel 1923 in uno stabilimento – firmato dal giovane Giacomo Matté Trucco – talmente all’avanguardia da suscitare l’ammirazione di Le Corbusier, che lo definì “uno dei più innovativi siti dell’architettura industriale”. La novità consisteva nell’avere una fabbrica di automobili su 5 piani, attraverso cui le macchine in costruzione viaggiavano fino ad arrivare, finite, alla pista di collaudo, sul tetto dell’edificio. Oggi la pista di collaudo è una pista di atletica per gli ospiti dell’Hotel NH Lingotto, nato su progetto dell’archistar Renzo Piano quando la fabbrica smise di funzionare e la comunità torinese si mosse per la sua riqualificazione. Nell’Hotel NH Lingotto convivono un contenitore ruvido, testimone muto di un passato di fatiche, e un contenuto dall’eleganza da avanguardia; un esterno inalterato e un interno profondamente modificato per incontrare le nuove esigenze di ospitalità e comfort.

Grazie a soluzioni inedite firmate Piano, l’Hotel NH Lingotto è un esempio di evoluzione dello spazio che rifugge la colpa di cancellare o la presunzione di far dimenticare proponendo singolari combinazioni di passato e presente: oltre alla pista di collaudo riconvertita in pista da jogging (con annessa vista impagabile su Torino e la sue Alpi), è facile cogliere il passato da fabbrica nei volumi enormi e ariosi degli spazi comuni e nelle 240 camere e suite, dove lo stile da loft deluxe convive con le finestre a tutta parete originali del vecchio stabilimento. Chissà se un giorno il Lingotto sarà destinato a una nuova trasformazione, chissà se anche questa seconda chance diventerà un passato da tutelare nella ridefinizione di forme e significati. Per ora godiamoci l’opportunità di vivere uno dei simboli della storia industriale italiana. Sdraiati su un comodo letto king-size, ça va sans dire.

 

carcani31220121

La camera e le sue vetrate da vecchia fabbrica

 

carcani31220122

Gli spazi comuni

 

carcani31220124

La palestra dell’hotel 

 

carcani31220125

L’esterno dell’hotel

 

Comments are off this post!