A Roma come in un film

Fashion

A Roma come in un film

665

 

Ha quasi cento anni, l’Hotel Locarno. E in questo secolo di vita ha visto passare artisti di tutto il mondo, che hanno scelto e continuano a scegliere l’albergo di Via della Penna per una pausa d’antan nel cuore di Roma.

 

Alle spalle di Piazza del Popolo, a due passi dal Tevere e dallo shopping più elegante di via Condotti, l’Hotel Locarno non smette di incantare con l’atmosfera vintage degli arredi e delle luci soffuse, dell’invito alla conversazione calma e al relax elegante.

Varcata la soglia art nouveau del Locarno, c’è il rischio di perdersi nell’illusione dei caffè letterari d’altri tempi, palcoscenici ormai lontani di scontri e confronti tra intellettuali.

Dal lontano 1925, quando i proprietari svizzeri lo inaugurarono con i manifesti pubblicitari del famoso artista cartellonista Anselmo Ballester, in molti hanno eletto la più antica casa d’ospiti della Capitale a proprio rifugio romano: da Sepulveda a Fellini fino ad Alain Elkan (che dopo averci abitato per anni lo ha scelto come sfondo del suo libro “Hotel Locarno”). Così come molti sono stati i registi che hanno utilizzato gli interni del Locarno per girare film (uno per tutti: “Hotel Locarno” del regista ginevrino Bernard Weber, 1978).

Ancora oggi protagonista assoluto della mondanità romana, il Locarno è uno dei must della Capitale per chi sa vivere la città con understatement. Il rito dell’aperitivo tra i tavoli in ferro battuto e le poltrone di velluto nero del suo giardino o, nella stagione fredda, tra i marmi e gli specchi del bar interno riunisce chi preferisce le atmosfere soffuse e sogna il fascino da Grande Gatsby a due passi dalla modernità.

Dagli spazi comuni a quelli privati, è sempre la stessa allure retrò ad accompagnare l’ospite nel suo soggiorno romano: tra standard, superior, deluxe e suite, le sessantasei camere sono diverse l’una dall’altra per dimensioni, rivestimenti e arredi; alcune hanno mantenuto splendidi soffitti e decorazioni d’epoca; molte hanno le toilette in marmo con rubinetteria e vasca originali.

Ma come in ogni film che si rispetti, arriva il momento di lasciare la scena alla protagonista: dalla terrazza all’ultimo piano dell’Hotel Locarno si ammira Roma con il suo skyline. Merita l’Oscar.

 

hotel Locarno_5

Lusso d’antan per la suite

 

hotel Locarno_4

Il giardino d’inverno

 

hotel Locarno_1

L’atmosfera retrò delle camere

 

Hotel Locarno_2

Dettaglio liberty del bar

Comments are off this post!