Intervista #8: Claudia Ligari

Intervista #8: Claudia Ligari

421

di Emanuela Bevilacqua

Italian/english text
La giovane stilista Claudia Ligari si è laureata presso l’Istituto Marangoni di Milano e subito dopo ha iniziato alcune internships da Missoni ed da Alexander McQueen. Nel 2005 si è trasferita a Londra e dal 2011 ha iniziato a creare le collezioni con il suo marchio. Femminile ed androgino, insieme a forme e tessuti diversi si mescolano per dar vita ad un look grintoso ma allo stesso tempo minimal. Il marchio di Claudia Ligari è ormai famoso attraverso l ‘e-commerce oltre che a Londra anche a New York, Parigi e Tokyo.
The young designer Claudia Ligari has graduated at the prestigious Istituto Marangoni in Milano and then she started internships at Missoni and at Alexander McQueen. In 2005 she moved to London and from 2011 she started her own brand and collection. Feminine and androgynous, together with shapes and different garments mix up to give birth to a look both aggressive and minimal. Claudia Ligari’s brand is already famous world wide trough e-commerce in London, New York and Tokyo.
Raccontaci della tua ultima collezione. Tell us about your new collection.
It’s all about blue! La nuova collezione SS14 è un estensione di quella FW 2012/13 in cui ho rivisitato le forme in chiave estiva. Come in tutte le mie collezioni il punto di partenza resta sempre l’ispirazione sportswear: le forme sono mascoline ma leggiadre, comode ma d’impatto, semplici e versatili tutti i pezzi si prestano ad essere mescolati a piacere. Il blu è l’unico colore dominante di questa stagione, in svariate gradazioni ma sempre restando sui toni scuri, che mantengono quel tocco di eleganza. La femminilità della mia donna si cela attraverso lunghi spacchi laterali che si ripetono in ogni capo cambiando cosi la percezione delle forme quando vengono osservati da diverse angolazioni. La collezione è stata pensata per essere semplice da indossare senza però trascurare quella che è la filosofia principale del mio marchio: “create timeless garments”.
It’s all about blue! The new collection SS14 is an extension of my FW 2012/13 in which i revised the shapes in a summer oriented key. As in all of my collections the starting point is always comes from a sportswear inspiration: silhouette are masculine but light, comfy but strong, simple and versatile, all the models are ready to be mixed up as you please. Blu is the It color for this season, different shades of blu, i prefer more the darkest tone who’s always have an elegant twist. The feminity of my woman is slightly hidden behind long lateral slits that keeps on repeating in every cloth thus changing the perception of the shapes when observed from different perspectives. The collection was created keeping in mind that it should’ve been easy to wear without forgetting the main motto of my brand: “create timeless garments”.
Quando è iniziata la tua avventura nel mondo della moda? When did your journey trough fashion world begin?
Quando ho iniziato a studiare alla Marangoni ancora non avevo ben chiaro in mente quale sarebbe stato il mio futuro e cosa mi sarei dovuta aspettare. Nessuno nella mia famiglia o dei miei conoscenti mi aveva trasmesso la passione per gli abiti o la moda eppure fin da piccola ho sempre sentito questa passione, quindi ho solo seguito il mio istinto. Credo che la mia vera avventura sia cominciata a Londra, dove attualmente vivo. Un giorno, quasi quattro anni fa, mia madre ha letto su una rivista a proposito di “Mango Fashion Awards” e mi convinse a provarci. Per poter partecipare bisognava presentare almeno due collezioni e purtroppo io avevo solo i capi confezionati per il mio esame finale dell’ultimo anno, così in fretta e furia, e con l’aiuto di una modellista, ho creato una collezione di dieci outifts nel giro di 15 giorni! Fu una cosa da matti! Ai tempi lavoravo a tempo pieno per un azienda di moda perciò mi ritrovai a non dormire la notte per quasi due settimane per poter finire tutto in tempo! Non passai nemmeno la prima selezione del concorso, ma venni notata da un agenzia pubblicitaria molto importante qui a Londra che mi lanciò sul mercato, ed ora eccomi qui.
When i started studying at Marangoni Institute i didn’t have a precise idea on what my future would look like and what to expect. None in my family  or among my friends was into fashion or clothes yet even as a child i always felt this passion in me, and i simply let my instinct be my guide. I think my adventure started in London, where i currently live. One day, something like 4 years ago, my mother’ve read about “Mango Fashion Awards” on a magazine and pushed me to participate. I had to create 2 collections in order to get in and unfortunately at that time i had just the models i did for my final exam, so in a rush, with an helping hand from a modeller, i created a collection of 10 outfits within just 15  days! It was pure craziness! At that time i was working full time for a fashion house so i ended up on not sleeping (even on nighttime) for 2 weeks to get everything ready. I didn’t even make it trough the first selection of the awards, but i got noticed by a very important advertising company in London and they believed in me and here i am now.
Da dove trai l’ispirazione per le tue creazioni? Where does inspiration for your creation come from?
Non lavoro mai con una idea ben specifica in testa. Parto sempre alla rinfusa e poi tutto diventa chiaro man mano che i capi prendono forma. Spesso e volentieri sono le persone ad ispirarmi di più. Mi piace disegnare pensando a una reale o fantomatica persona che indosserà la collezione. Ma oltre a questo potrebbe essere qualsiasi cosa: un dipinto, un viaggio, una foto o anche solo un momento particolare della mia vita.
Usually when i work, i do it without having a clear idea on my mind. I start from chaos and then everything gets clearer as i work and as models come to life. Often people are my main source of inspiration. I love to draw thinking about a real or ideal person who could be wearing my collection, but it could be anything that can inspire me: a painting, a trip, a picture or just a precious moment of my life.
Qual è la tua icona di stile? Who’s your style icon?
Amo moltissimo Tilda Swinton, spero un giorno di vederla indossare i miei capi.
I love Tilda Swinton so much, i hope one day she would wear one of my creations.
Quali sono le difficoltà che un giovane stilista affronta in Italia? Which are the main difficulties that a young designer has to face in italy?
Non saprei cosa rispondere perché non abito in Italia da nove anni! Ci sto per tornare proprio adesso.
I really don’t know what to cause i don’t live in italy for 9 years! I’m coming back there right now.
Quali progetti per il futuro? What are your plans for the future?
Come ho appena detto tornerò in Italia tra pochissimo. Non nascondo la paura e l’ansia nel non sapere bene cosa mi aspetta, ma questo passo era nella mia lista dei traguardi già da un po’ di tempo: il poter finalmente vedere sulle mie etichette la scritta “Made in Italy”. Perché come facciamo bene le cose noi non le fa nessuno!
As i told you i’m going back to Italy soon. I’m a little scared and anxious of not knowing what to expect, but this step was on my list of goals for a while: to be able to see “made in Italy” on my labels. Cause you know, when we do things we do them right, as none els do!