Scarpe,gioie e dolori

Scarpe,gioie e dolori

169

“Se bella vuoi apparir un po’ devi soffrir”, queste erano le parole che mia madre pronunciava il giorno del saggio di danza quando mi aiutava a fare lo chignon.

Se ci pensate queste sono parole verissime.

Le scarpe coi tacchi ci fanno belle ed in misura proporzionale ci fanno “soffrir”, chi non ammette di aver “penato” su e per i tacchi non dice il vero.Un amore per cui si è disposte a tutto, ad avere piedi doloranti e gonfi dopo un’intera giornata a bordo di altezze vertiginose, a passeggiare in casa coi tacchi per abituare il piede alla scarpa o la scarpa al piede (il processo è transitivo, forse!), a comprarne di nuove perché piacciono e tanto, a fare delle pazzie sebbene il cartellino del prezzo sia quasi terrificante (segue faccia con Urlo di Munch), a sentirsi dire parole dai compagni/fidanzati/mariti che non capiranno mai cosa un paio di scarpe può dare.Intanto arrivano periodi dell’anno ancor più gradevoli per le grandi occasioni che vengono offerte. La scena diventa quanto mai piacevole, volterete il cartellino ed il numero, che credevate esoso e terrificante, si presenta così contenuto da rendere fattibile l’acquisto, immediato, cotto e mangiato!

I Saldi sono nostri amici, aiutano a rendere più concreto e meno pernicioso un obiettivo.Un nuovo paio di scarpe è quell’addendo che dà per risultato: sguardo beffardo e compiaciuto come nella leonardiana Gioconda.E con uno sguardo del genere cammineremo sui tacchi delle sexy e grintose Pampa. Obiettivo raggiunto.