Vita da squatters !

Vita da squatters !

170

Sono le 3 e mezza del mattino e sono sul bus per tornare a casa. Occhietto cisposo dopo ore di viaggio e valigia al seguito (rigorosamente 9.9 kg), mi guardo intorno e la gente che mi circonda è assonnata tanto quanto me.

Tranne loro.Un gruppo di ragazzi muniti di zaini e super eccitati. Parlottano a bassa voce e ridacchiano complici. Finchè non noto che in quel quintetto c’è una ragazza che conosco.La chiameremo Mia.Capelli lunghi, rossi, rasati ai lati, leggins, anfibi e una megafelpa. E ovviamente uno zaino che sembra pesantissimo. E lo è, dato che contiene tenaglie e pinze di diverso tipo. Mi racconta che lei e il resto della “squadra” stanno andando a “vedere” un’appartamento.

Da squattare. Ovvero da occupare.La legislazione inglese infatti non considera un crimine l’occupazione di edifici e abitazioni (ovviamente vuoti), ma ci sono alcune condizioni, che gli squatters conoscono bene, e anche Mia e i suoi amici.Innanzitutto bisogna avere libero accesso allo stabile, senza scassinare le serrature o rompere finestre per entrare. E praticamente non succede quasi mai, per questo gli squatters sono attrezzati sia con utensili da scasso sia con nuove serrature da rimontare non appena si riesce ad entrare. L’importante è non farsi cogliere in flagrante nel momento in cui si forza la serratura, se ciò non accade si scivola nel penale e la polizia ha il diritto di sgomberare l’edificio e di procedere con l’arresto.Una volta entrati i nuovi inquilini devono appendere fuori dalla porta il “Section 6”, un documento che afferma che ci sono persone all’interno e che ne hanno il pieno diritto. Inoltre sono tenuti a pagare tutte le utenze e a non lasciare mai vuoto l’edificio, giorno e notte. E qui per il proprietario potrebbero iniziare i casini, perché non è così facile mandare via gli squatters, e lo sa bene il povero Guy Ritchie che si è visto occupare la sua supermegavilla da svariati milioni di pounds. Good choice guys!L’Inghilterra è ormai una delle poche isole felici rimaste in Europa per gli squatters (ma ancora per pochissimo dato che a Settembre la legge potrebbe cambiare) e ha richiamato e richiama ancora tantissimi giovani da ogni parte d’Europa (nel 2003 sono stati stimati circa 15mila squatters tra Inghilterra e Galles).

Com’è finita la nottata per Mia?

In un nulla di fatto, dato che un paio di pattuglie della polizia erano nei paraggi e il rischio era davvero troppo alto.

Ma la ricerca continua.