Un patto territoriale per la perequazione Comuni in rete con Legambiente per creare nuovi percorsi per non vedenti

Un patto territoriale per la perequazione Comuni in rete con Legambiente per creare nuovi percorsi per non vedenti

203

Sottoscrivere un patto territoriale per la perequazione che metta in rete i comuni madoniti, al fine di creare nuovi percorsi per non vedenti – da affiancare a quelli presentati la mattina del 2 luglio da Legambiente nel corso della conferenza “Solidarietà&Ambiente” che si è tenuta presso l’hotel Alberi del Paradiso di Cefalù – e già fruibili sulla Rocca di Cefalù e alle Macalube di Aragona. La proposta è arrivata dall’assessore di Campofelice di Roccella Mario Cicero, ed è stata immediatamente accolta con favore dalle amministrazioni di Lascari, Cefalù e dal presidente del distretto turistico di Cefalù e dei Parchi delle Madonie e di Himera, Angelo Micciché. “Siamo felici che il nostro progetto, che ci ha impegnati per due lunghi anni, abbia risvegliato gli animi” ha detto Salvatore Culotta, coordinatore del Centro di educazione ambientale di Legambiente a Cefalù e partner del progetto “Solidarietà&Ambiente, attraverso il quale è stato possibile realizzare i primi due percorsi ad alta fruibilità per non vedenti in aree di alta valenza ambientale e geomorfologica. “La proposta dell’assessore Cicero – ha aggiunto Culotta – non può che trovarci aperti alla più piena forma di collaborazione per la progettazione di nuovi percorsi per il territorio, già certi del supporto dell’Unione italiana ciechi e della Stamperia braille dell’Uic che ci hanno sempre supportato in questo importante viaggio di perequazione”.

In settimana sarà proprio Salvatore Culotta il referente che per Legambiente incontrerà Valeria Piazza, portavoce del sindaco di Cefalù, per formulare insieme una prima bozza del patto territoriale da proporre alle amministrazioni interessate alla sottoscrizione e, soprattutto, pronte ad attivarsi subito per la creazione dei percorsi non solo in aree naturali ma anche in città.

Pienamente soddisfatto si è detto Giuseppe Scaccia, presidente provinciale dell’Unione italiana ciechi e ipovedenti per Palermo. Visibilmente commosso dalla buona riuscita dell’iniziativa, Scaccia ha spiegato – nel corso della conferenza – l’enorme importanza di percorsi come quelli realizzati da Legambiente al fine dell’autonomia del non vedente.

Solidarietà&Ambiente è un progetto con finalità di perequazione realizzato grazie ai fondi del protocollo d’intesa delle fondazioni bancarie e di volontariato del 5.10.2005 siglato da Acri, Forum permanente terzo settore, Consulta nazionale del volontariato, Consol, CSVnet e Consulta nazionale dei Co.Ge. Sono stati partner del progetto, insieme al circolo capofila Legambiente “Francesco Lo Jacono”, il Comune di Cefalù, l’Uic di Palermo, il Centro di educazione ambientale Legambiente “Cefalù-Madonie”, Volontariato Agira di Agira e il circolo Legambiente “Rabat”.

Il progetto è consultabile on line all’indirizzo www.seecilia.it