Alessandro Bazan: Mondello

Alessandro Bazan: Mondello

301

Alessandro Bazan introduce, con la sua pittura schizzante, ironica, rabbiosa, costruita sempre sulla lamina tagliente di una memoria storica della tradizione, rappresentativa e speculare ad una sua personalissima visione del mondo, delle cose e di noi tutti, sulle tracce impercettibili dell’hic et nunc, in un locus musicale di tipo trasgressivo, dove la singolarità corrisponde ad un progetto narcisistico del sé e la coralità si manifesta come paradosso di una lente che ingrandisce i particolari e gli invisibili e tratta il senso comune come una rimozione del profondo, portato finalmente alla luce.

Le sue figure immobili, hanno tutti i tratti tipici di una teatralità del tutto involontaria, vissuta più come trama antropologica che come segno di una volontà visibile, tangibile e parimenti immaginabile, fantasmatica e sono sole, sia quando sono effettivamente sole, che quando sono costituite in coro, di falso movimento e tutti fingono di conoscersi, ma in realtà non è così, esternazioni del suo pensiero, punti di arrivo, provvisori, di una riflessione sulla trasversalità, della cosa contaminata, da un vocabolario di fragmenta (ironici, feticisti, masochisti, sensualisti) colti al volo come performance di esperienze, letterarie, teatrali, cinematografiche, ma anche di vita,vissuta, conseguenti ai ricordi che diventano memoria, confluiti nel grande recipiente dell’immaginario e variamente mescolati, dettano la storia di tutti e di nessuno.

Francesco Gallo Mazzeo

 

Opening: 7 maggio h. 18.30

Durata: 7 maggio / 25 maggio 2013

Sede: “I Tesori del Passato”, Via Massimo D’Azeglio 7 90143 Palermo.

Orari: 10,00/12,30 16,30/19,30 – chiusura lunedì mattina e domenica

Catalogo: in galleria con testi di Alessandro Pinto

Organizzazione: “I Tesori del Passato” Associazione Culturale

Main sponsor: “Baciamo le mani” catering, Palermo baciamolemani_@libero.it